ROMA: PRESA BANDA COLPO CAVEAU, C’E ANCHE EX BOSS BANDA MAGLIANA ROMA, ER PANTERA TRA I 7 ARRESTATI, BOTTINO ASSALTO DI 6 MILIONI

admin

About Livio

Livio Freda Passione per il Web!

caveau 1ANSA – ROMA, 6 MAG – Quella notte, tra il 22 e il 23 dicembre scorso, a pochi giorni dalle feste di Natale, la scena fu quella di un film d’azione. Una banda, che si capi’ subito essere di professionisti, assalto’ un istituto di vigilanza vicino Roma. Lasciarono il caveau vuoto: bottino circa sei milioni di euro. Un vigilante imbavagliato e legato fu una delle poche tracce lasciate dalla banda. Un piano studiato nei minimi dettagli messo a punto da dei ‘professionisti’, disse a caldo un inquirente. E le ipotesi investigative sono state confermate dagli arresti, sette, effettuati dalla squadra mobile di Roma e dagli agenti del commissariato di Tivoli. Tra gli arrestati per l’assalto al caveau dell’Istituto di vigilanza ‘Sicurtecna’ di Guidonia c’e’ anche Gianfranco Urbani, detto ‘er Pantera’, ex boss della Banda della Magliana. Urbani era considerato un esponente di spicco della Banda della Magliana, l’organizzazione criminale che semino’ terrore e morte negli anni ’70 e ’80. ‘Er Pantera’ avrebbe avuto un ruolo significativo per la riuscita del colpo, di cui la polizia e’ riuscita a recuperare una parte del bottino. Urbani, settantenne, e’ per gli investigatori romani una sorta ‘vecchia conoscenza’, negli anni Ottanta era rimasto implicato anche in un’inchiesta condotta dal giudice Giovanni Falcone che aveva spiccato un ordine di custodia nei suoi confronti. La notte dell’assalto cinque componenti del gruppo criminale si introdussero nei locali blindati della Sicurtecna, sembra con la complicita’ di una guardia giurata che era in servizio nella sede della societa’. La banda sfrutto’ il cambio della guardia e prima di abbandonare la sede della societa’ di sicurezza fece fuori le telecamere di videosorveglianza e lego’ un vigilante. Sabato notte l’epilogo delle indagini con la cattura dell’intera banda. ANSA 06-MAG-13 19:45

Questo articolo è stato pubblicato in News da admin. Aggiungi ai segnalibri il permalink.

Lascia un commento